ADM e GdF rafforzano le attività di contrasto del gioco illegale/irregolare

adm-e-gdf-rafforzano-le-attivita-di-contrasto-del-gioco-illegale-irregolare

Novità nella lotta di contrasto alla criminalità organizzata presente nel settore del gioco chiaramente “illegale”: L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM) e la Guardia di Finanza hanno sottoscritto un protocollo d’intesa strategico, finalizzato a rafforzare la collaborazione già presente da tempo.

L’ADM fornirà al Nucleo Speciale della Guardia di Finanza informazioni ed elementi utili per favorire lo svolgimento delle attività ispettive e delle altre investigazioni antiriciclaggio nei confronti dei prestatori di servizi di gioco, degli altri operatori del settore e dei clienti, nonché per favorire l’analisi sui fenomeni criminali. 

Contestualmente, il Nucleo Speciale collaborerà con la Direzione Antifrode e Controlli dell’Agenzia nelle fasi di acquisizione ed elaborazione di dati, notizie e informazioni utili per le attività di controllo e verifica dell’adeguatezza dei sistemi di prevenzione e contrasto del riciclaggio di denaro e di finanziamento del terrorismo adottati dai prestatori di servizi di gioco.

L’accordo prevede, in particolare, un rafforzamento delle sinergie in essere finalizzato ad agevolare, reciprocamente, l’esercizio dei rispettivi compiti attribuiti dalla disciplina antiriciclaggio nazionale. Il Nucleo Speciale inoltre collaborerà con la Direzione Antifrode e Controlli dell’Agenzia nelle fasi di acquisizione ed elaborazione di dati, notizie e informazioni utili per le attività di controllo e verifica dell’adeguatezza dei sistemi di prevenzione e contrasto del riciclaggio di denaro e di finanziamento del terrorismo adottati dai prestatori di servizi di gioco.

Lo scambio di informazioni è il vero “punto di forza” del Protocollo, che prevede il periodico svolgimento di riunioni di coordinamento fra i referenti designati di Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e Guardia di Finanza, anche avuto riguardo al tema dell’offerta “illegale” di giochi, nonché l’organizzazione di iniziative didattiche a favore del personale interessato alle specifiche attività oggetto dell’accordo.

L’adozione di questo nuovo strumento, si legge nella nota congiunta, contribuirà a potenziare la lotta ai fenomeni di infiltrazione criminale e di riciclaggio nel settore del gioco pubblico (da troppo tempo aggredito da operatori illegali/irregolari, nda).