Anatema di Codacons su Crepet. Si è permesso di “santificare” il gioco d’azzardo

anatema-di-codacons-su-crepet-si-e-permesso-di-santificare-il-gioco-dazzardo

Guai a parlare bene del gioco d’azzardo. Si rischia di ricevere un esposto al proprio ordine di categoria professionale. E’ quanto succederà, presumibilmente oggi, al Prof. Paolo Crepet, psichiatra e sociologo. E’ colpevole, secondo Codacons, di essersi “permesso” di parlare bene del fenomeno in esame.

Crepet ha elogiato “gli effetti positivi del gioco d’azzardo” e questo in un Paese “illiberale” come l’Italia non si può fare. L’associazione dei consumatori chiede tra l’altro che Rai e Mediaset lo escludano da ogni programma tv.

Il momento di lesa maestà sarebbe quello di essere arrivato a santificare l’azzardo, sostenendo che sale slot, videopoker e slot machine creerebbero effetti positivi sulle persone quali “la socializzazione, il diritto al sogno, la possibilità di alleviare la propria amarezza e la propria tristezza”.

Per questa ragione il Codacons presenterà nella giornata di martedì 28 marzo un esposto all’Ordine dei medici di Roma. Un’azione inutile ,perché sarà chiaramente rigettata dal consiglio di disciplina dei medici, però resta il fatto che l’azione di Codacons è un pericoloso precedente anche per i professionisti di altri settori. 

You can tell friends this post!:

2 COMMENTI

  • franco battaglia
    Reply Now

    Mi sembra che Crepet l’abbia fata fuori dal vasetto. “diritto al sogno” dice. Spero tu sappia quanti si rovinano le residue finanze col loro diritto al sogno. Per non parlare di quelli che lasciano il pupo in macchina per andare a coltivare i loro sogni .
    p.s. fatti aggiustare il programma perché tramuta in maiuscolo ogni inizio parola. Ciao caro.

    • Marcel Vulpis
      Reply Now

      Abbiamo modificato problema delle “maiuscole” – grazie per avercelo segnalato (ma era solo sul sistema Mobile). Non credo che Crepet abbia detto qualcosa di sconveniente. E’ una persona “libera” e da medico/sociologo ha dato un suo commento tecnico. Il problema è che in questo Paese siamo sempre alla partigianeria: adesso su questo tema “pro” o “contro” il gioco. Però ci fosse qualcuno che ha il piacere di entrare nel merito delle questioni. Questo mai…