Anche l’Olanda vira su una politica più severa nei confronti degli operatori del Gioco

anche-lolanda-vira-su-una-politica-piu-severa-nei-confronti-degli-operatori-del-gioco

Secondo quanto riporta il portale specializzato Agimeg il Governo olandese sta lavorando per introdurre un aumento temporaneo delle imposte sui giochi d’azzardo. Gli operatori sono sul piede di guerra, perché si troverebbero ad affrontare una tassazione di oltre il 30% sulla base della nuova proposta annunciata martedì nel Piano di bilancio per il 2018, che propone un aumento temporaneo dell’aliquota di gioco dall’attuale 29 per cento al 30,1%, a partire dal 1° gennaio 2018. Se la proposta trovasse effettivamente attuazione, la tassa supererebbe una soglia già considerata proibitiva da molti operatori olandesi.

Si conferma, purtroppo, un’onda lunga in molti Paesi dell’Europa, dove il settore del Gioco sta diventando un “bancomat” per il Governo (di turno), senza che gli venga riconosciuta (a torto) una sua dignità di comparto industriale. L’aumento anche temporaneo delle imposte, in una fase contingente dell’economia europea sicuramente non positiva, rischia di impattare sui conti dei diversi operatori.