Antiriclaggio Giochi: non si gioca con le regole

antiriclaggio-giochi-non-si-gioca-con-le-regole

Da tempo, nel mercato dell’informazione collegata al gioco, si parla spesso (sbagliando) di crescita troppo forte dei volumi spesi in azzardo. Nella realtà, però, questo sviluppo può avere un’altra risposta. E a darla ci ha pensato il dirigente dell’ADM, Alessandro Aronica, che, correttamente, ha fatto notare come questo trend sia da attribuire al “recupero sull’illegalità”. Peccato che questa chiave di lettura non venga presa in considerazione dalla stragrande maggioranza dei media

«Negli ultimi dieci anni la spesa nel circuito del gioco legale è cresciuta di circa 7 miliardi. Sappiamo che non si tratta solo di incremento del gioco, anzi in larga parte è un recupero sull’illegalità. Abbiamo strappato alla criminalitá organizzata fette molto importanti dell’offerta di gioco, oggi inserita in un circuito legale, importante non solo per il gettito, ma anche per la tutela dei giocatori. Non possiamo escludere una crescita della domanda, ma di certo come autoritá di controllo possiamo fornire dati su cui riflettere: ad esempio sull’online, la legalizzazione sta avendo un ruolo fondamentale nella crescita e nell’emersione». Lo ha detto Alessandro Aronica, vicedirettore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, nel corso del convegno “Antiriciclaggio, non si gioca con le regole”, organizzato alla Camera. (fonte: Agipronews.it)