Baretta (MEF) se la prende con Beccalossi (regione Lombardia) accusata di strumentalizzazione politica

baretta-mef-se-la-prende-con-beccalossi-regione-lombardia-accusata-di-strumentalizzazione-politica

Per Pier Paolo Baretta (sottosegretario al MEF) la misura è colma: il Governo vuole trovare un punto di incontro con le regioni e gli enti locali, sul tema del riordino del settore dei Giochi, ma l’assessore lombardo Viviana Beccalossi è la “Giovanna d’Arco” del fronte dei “Proibizionisti”. Nonostante le aperture in ambito governativo, la giovane politica di Fratelli d’Italia non ne vuole sentire parlare e fa muro contro muro, soprattutto quando partecipa alle riunioni della Conferenza unificata Stato-Regioni. Il suo ostruzionismo secondo Baretta è un ostacolo alla riforma del settore. Probabile che nelle prossime ore questo scontro, per adesso mediatico, possa ulteriormente inasprirsi. 

«Ci sono stati ulteriori passi in avanti, da parte del Governo, sul tema della rottamazione delle Awp nei tre anni, della tutela della salute dei giocatori e della lotta alla ludopatia, nonché un’ulteriore apertura sui criteri dei luoghi sensibili, eppure non sono stati sufficienti a chiudere l’intesa. Infatti, nonostante queste ulteriori aperture, l’indisponibilità a trovare una soluzione di merito condivisa da parte dell’Assessore della Regione Lombardia, Viviana Beccalossi, ha bloccato un’intesa di grande rilievo innovativo, la cui portata rispetto all’effettiva riduzione del gioco in Italia è evidentemente sottovalutata». Lo ha detto il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta, dopo il tavolo tecnico di oggi pomeriggio tra Governo ed enti locali e la successiva sconvocazione della Conferenza Unificata di giovedì 11 maggio. «Bisogna scegliere tra regolare e ridurre o proibire. Noi proponiamo di ridurre a metà i punti gioco rispetto ai 96mila attuali; di tagliare del 30% le Awp; di adottare distanze di 150 metri da scuole, luoghi di culto e Sert e di sospendere le giocate per massimo di 6 ore al giorno. Chi propone 500 metri da scuole, chiese, ospedali, centri per anziani, palestre, sale da ballo, ecc. – perché questa è la contro proposta che è stata ribadita anche oggi – ha evidentemente in mente di abolire il gioco legale, con la conseguenza che riempiremo le periferie di gioco clandestino», ha spiegato. «L’argomento è troppo delicato per subire strumentalizzazioni politiche, come è del tutto evidente dalle dichiarazioni di oggi di Beccalossi che si appella ad un particolare elenco di Regioni a suo parere contrarie, tutto da verificare, quando l’interlocutore dovrebbe essere la Conferenza. Poiché, per impegni, la Conferenza è spostata di qualche giorno, abbiamo l’ultima occasione per far prevalere la ragionevolezza ed il buon senso» – fonte: Agipronews