Beccalossi (regione Lombardia) si conferma assessore “Ideologico” e “Proibizionista” sul gioco

beccalossi-regione-lombardia-si-conferma-assessore-ideologico-e-proibizionista-sul-gioco

Beccalossi (assessore regione Lombardia), da tempo, non entra mai nel merito dei problemi (incluso quello della ludopatia), punta solo a slogan e ha sempre un atteggiamento rigido anche con il Governo, nonostante, lei stessa, sia una rappresentante dell’establishment politico. Capiamo la vicinanza poi con il Vaticano, ma anche in questo caso, cerchiamo di andare oltre l’omaggio per qualche titolo di giornale o radiofonico. Cerchiamo piuttosto di portare sul tavolo delle proposte (peraltro mai viste), non solo delle “censure” proibizionistiche.
“Ancora una volta” ha spiegato a Radio Vaticana, Viviana Beccalossi – assessore regionale al Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Città metropolitana, (delegata dal governatore della Lombardia, Roberto Maroni, a porre in essere azioni mirate al contrasto della diffusione del gioco d’azzardo patologico), “ho evidenziato il mio dissenso verso uno Stato, quello italiano, che pensa di fare cassa usando le persone più fragili come un bancomat. Sono convinta che le risorse che il Governo introita dal gioco d’azzardo ‘lecito’ possano essere risparmiate tagliando spese assolutamente inutili. Ho inoltre potuto constatare l’impegno di ‘Radio Vaticana’ sul tema della ludopatia, con la realizzazione di interessanti servizi intitolati ‘La Chiesa: no al gioco d’azzardo; devasta le famiglie’ o ‘Lo sport non promuova il gioco d’azzardo’, temi che condivido pienamente”.