Cardani (Agcom) gliele canta al ministro (Di Maio)…

cardani-agcom-gliele-canta-al-ministro-di-maio

Prima di insultare l’Autorità il ministro Di Maio avrebbe dovuto confrontarsi nel merito ed eventualmente collaborare nell’interpretazione dei contenuti della legge. L’Agcom è un organismo politicamente indipendente e dotato di propria autonomia decisionale: non può essere considerato un ufficio di diretta collaborazione di un ministro”. E’ quanto ha dichiarato Angelo Marcello Cardani, presidente dell’Agcom in risposta alle dichiarazioni del ministro Di Maio.

Tra l’altro quello che dice il n.1 di Agcom è assolutamente “vero”: la formulazione del testo del Decreto Dignità non è stato mai condiviso, discusso con i rappresentanti dell’industria del gioco. Si è arrivati al testo finale senza che gli “operatori” del comparto fossero in qualche modo ascoltati.