Codacons chiede a Francesco Totti di “redimersi”. Da cosa non si sa. Senza parole!

codacons-chiede-a-francesco-totti-di-redimersi-da-cosa-non-si-sa-senza-parole

Capisco la comunicazione, la tecnica del fish-pilot (ovvero agganciarsi ad un personaggio famoso per sfruttarne in scia la sua immagine), capisco che siamo nell’era dello storytelling, ma non bisogna esagerare. A leggere le dichiarazioni di Carlo Rienzi (presidente Codacons) viene da sorridere, ma anche un po’ da piangere. Ma cosa vuol dire che Francesco Totti (ex capitano della AS Roma) deve “redimersi”? Ma da cosa poi? Cosa avrebbe fatto di male? Di cosa dovrebbe scusarsi? E’ un personaggio famoso e ha legato la propria immagine al gioco del Lotto e l’ha fatto, tra l’altro, con una serie di spot simpatici, auto-ironici, che assolutamente non incita a rovinarsi. E allora perché il Codacons continua sempre con questi comunicati stampa senza senso? Un giorno speriamo di ricevere una risposta al quesito in esame. 

Francesco Totti, Codacons: dopo calcio diventi testimonial della battaglia al gioco d’azzardo. Associazione lo invita al convegno del 9 giugno contro la ludopatia.

Dopo il calcio, Francesco Totti si dedichi a combattere il gioco d’azzardo diventando testimonial delle battaglie contro la ludopatia. L’invito arriva dal Codacons, che riconosce al capitano della Roma il ruolo di esempio per moltissimi giovani.

“Totti, anche dopo l‘addio al calcio, può fare ancora molto per il paese e può utilizzare la propria immagine per sostenere battaglie sociali importanti come quella contro il gioco d’azzardo – afferma il presidente Carlo Rienzi – Lui che delle società del gioco è stato testimonial in numerosi spot tv, può ora “redimersi” passando dall’altro lato della barricata e sostenere la lotta contro la piaga della dipendenza da gioco, fenomeno in costante crescita in Italia – oltre 3 milioni i giocatori a rischio – con effetti distruttivi su migliaia di famiglie”.

Per questo il Codacons ha invitato Francesco Totti a partecipare al convegno sulla ludopatia organizzato dall’associazione per il prossimo 9 giugno a Roma, durante il quale saranno analizzati scientificamente tutti gli spot per il gioco realizzati dal calciatore e gli effetti che gli stessi hanno avuto sui giovani, dando la possibilità al capitano della Roma di spiegare le ragioni della sua incauta condotta.