Dalla Spagna una proposta sul tema del match fixing: divieto di scommesse su eventi sportivi collegati a target giovanili

dalla-spagna-una-proposta-sul-tema-del-match-fixing-divieto-di-scommesse-su-eventi-sportivi-collegati-a-target-giovanili

Spagna in primo piano nella lotta di contrasto al match fixing. Le istituzioni iberiche infatti stanno ragionando sulla possibilità di limitare le scommesse sportive nelle serie sportive che coinvolgono i minori. La “Dirección General de Ordenación del Juego”, organismo di regolamentazione del gioco in Spagna, che sta lavorando ad un nuovo progetto per la riduzione della corruzione e dell’illegalità nel mondo dello sport.

“Crediamo che l’elemento essenziale sia la lotta contro il mercato del gioco d’azzardo illegale. La piaga principale del match-fixing – ha dichiarato il direttore dell’Agenzia governativa, Juan Espinosa – Per fare questo, è essenziale disporre di un mercato regolamentato che sia competitivo e ragionevole e in questo senso consenta agli operatori di offrire il tipo di eventi e mercati bisogna avere per poter suscitare interesse nei giocatori…I responsabili delle organizzazioni sportive, atleti, allenatori o altri partecipanti diretti e giudici e arbitri, non possono scommettere su attività sportiva”, come ampiamente specificato nell’articolo 6, paragrafo 2 lettere d), e) ed f) della legge 13/2011. (fonte: Gioconews.it)