Di Maio (M5S) fa “scuola” in Spagna sul tema del proibizionismo

di-maio-m5s-fa-scuola-in-spagna-sul-tema-del-proibizionismo

Anche la penisola iberica si muove nella “direzione” di un possibile forte proibizionismo nel mercato del gioco. Un’operazione che nasce da una attenta analisi del modello italiano alla luce, soprattutto, delle nuove norme “proibizioniste” inserite nel “Decreto Dignità” pochi mesi fa. 

E’ notizia di questi giorni infatti che la Spagna potrebbe presto seguire l’Italia (oggi guidata da un governo pentaleghista) in materia di regolamentazione e messa al bando della pubblicità al gioco d’azzardo. Dopo le dichiarazioni dei maggiori gruppo politici circa gli interventi che vorrebbero adottare in merito, il Defensor del Pueblo (il difensore civico), Francisco Fernández Marugán, ha raccomandato al governo di studiare, in collaborazione con le comunità autonome, il “divieto totale” di pubblicità relativa al gioco d’azzardo e alle scommesse nei media, nella radio, in televisione e su Internet.

Se il divieto totale non verrà adottato, l’Istituzione iberica chiede che vengano ampliate le fasce orarie in cui la pubblicità è vietata, in modo che raggiungano gli orari dei bambini e che l’immagine delle persone con notorietà pubblica non possa essere utilizzata come pubblicità. (fonte: Jamma Tv)