Di Maio (M5S) pronto a parlare con tutti per le presidenze delle Camere, ma chiude a candidati sotto processo o condannati

di-maio-m5s-pronto-a-parlare-con-tutti-per-le-presidenze-delle-camere-ma-chiude-a-candidati-sotto-processo-o-condannati

“Tra stasera e domani sentirò per telefono i principali esponenti di tutti i futuri gruppi parlamentari: Salvini, Brunetta, Meloni, Martina e Grasso. Voglio parlare loro con franchezza, chiarezza e onestà. A ognuno di loro dirò che noi vogliamo coinvolgere tutti in questa fase di individuazione delle figure che presiederanno le Camere, naturalmente riconoscendo il peso specifico di ogni vincitore“. Così Luigi Di Maio sul blog delle Stelle.

Per le presidenze delle Camere “da parte delle altre forze politiche considereremo inaccettabili le proposte di candidati, per qualsiasi carica istituzionale in ognuna delle due Camere, che siano condannati o sotto processo. Ne va della credibilità e dell’onorabilità delle istituzioni, un valore a cui non rinunceremo mai“. Così Luigi Di Maio sul blog delle Stelle dove è tornato parlare dei “contatti” in corso per “l’individuazione delle figure di garanzia dei presidenti di Camera e Senato“. “Non accettiamo ne’ condannati ne’ indagati per le presidenze delle Camere. Ci aspettiamo dagli altri la stessa sensibilità”, ribadisce poi Luigi Di Maio, a margine di un incontro con gli imprenditori organizzato dall’associazione Drappobianco.