Era corretto inasprire le pene contro chi esercita l’uso abusivo delle scommesse

era-corretto-inasprire-le-pene-contro-chi-esercita-luso-abusivo-delle-scommesse

Questa volta ero assolutamente d’accordo con i 5Stelle, perché, solo mandando un segnale forte al mercato, si poteva tutelare chi opera in modo regolare sul mercato del gioco. E invece non si capisce perché altri partiti, a partire da Forza Italia, non hanno compreso la “ratio” degli interventi in Commissioni Giustizia e Affari Esteri sul tema del gioco.
Le Commissioni Giustizia e Affari Esteri hanno bocciato tutti gli emendamenti all’articolo 5 al DDL per la Ratifica della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla manipolazione di competizioni sportive, fatta a Magglingen il 18 settembre 2014. C. 4303 Governo. Le proposte di modifica – presentate dall’on. Donatella Agostinelli e da altri deputati del M5S – puntavano in sostanza a inasprire le pene e le sanzioni, e a prevedere la responsabilità amministrativa degli enti anche nei casi in cui la combine e l’esercizio abusivo delle scommesse fossero semplicemente tentati. Cosimo Maria Ferri, sottosegretario  alla Giustizia, ha sottolineato che tutti gli emendamenti che aumentano le pene previste dal provvedimento non rispetterebbero il principio di proporzionalità della pena. (fonte: Agimeg)