Forza Italia ragiona sul possibile strappo con la Lega. Ultima opportunità per evitare di sparire.

forza-italia-ragiona-sul-possibile-strappo-con-la-lega-ultima-opportunita-per-evitare-di-sparire

Veti incrociati e ultimatum fra Lega e FI su governo di tregua e alleanza col M5S. Giorgetti (n.2 della segreteria federale nella Lega) chiede a Berlusconi (leader di Forza Italia) di appoggiare un esecutivo Lega-M5S e avverte: ‘Se vota il governo del presidente finisce l’alleanza’. Risponde Gelmini: ‘Non ci sono le condizioni’ per il sostegno a un governo neutrale, ma è pure ‘irricevibile’ la richiesta di appoggio all’intesa con i Cinquestelle se restano i veti su FI.

Il Quirinale è al lavoro per definire la squadra del governo di garanzia, l’incarico non sarà affidato prima di domani. Mattonella, al tempo stesso, ha fatto bene a strigliare i partiti, chiamandoli ad un rinnovato “senso di responsabilità”: ‘Io sono arbitro imparziale, ma serve la correttezza dei giocatori’.

Il 19 maggio l’assemblea nazionale del PD che sceglierà se convocare il congresso o eleggere il segretario.

Nella realtà ci sarebbe una parte di Forza Italia pronta ad uscire dall’alleanza mandando al Governo proprio Lega e M5S, e posizionandosi come “opposizione responsabile”. Questa “corrente” forzista ritiene che i due partiti sovranisti dopo pochi mesi andrebbero a sbattere sul muro e Forza Italia, dopo un primo contraccolpo in Parlamento (diversi deputati e senatori seguirebbero la Lega) tornerebbe sopra nei sondaggi. Adesso la palla tocca a Berlusconi per lo “strappo” finale.