Il Brasile è pronto a “regolamentare” il gioco d’azzardo? Pro e contro del progetto di apertura del mercato

il-brasile-e-pronto-a-regolamentare-il-gioco-dazzardo-pro-e-contro-del-progetto-di-apertura-del-mercato

(dal Brasile – Mauricio Sales) – Il Brasile è pronto per regolamentare e liberalizzare il gioco d’azzardo. Attualmente esistono due progetti di legge, il primo depositato nel Senato brasiliano ed un altro nella Camera dei Deputati, con l’intenzione di promuovere finalmente il betting nel Paese. Una decisione che, secondo alcuni specialisti, può portare, nei prossimi tre anni, R$ 29 miliardi di Reais in tasse. Con la crisi dell’economia brasiliana, questi ricavi potrebbero per esempio contribuire a rilanciare l’economia, oltre che a generare nuovi posti di lavoro.

Con la possibilità della regolamentazione del gambling, i grandi player internazionali hanno già dimostrato l’intenzione di voler investire miliardi di dollari sul territorio brasiliano.

L’apertura del mercato del Gioco, nonostante il Senato sia (o fosse) alleato con il Presidente Michel Temer, non sarà comunque un’operazione facile. L’esperienza del Brasile con la regolamentazione del Gioco del Bingo nel 2001, non ha prodotto una forte attenzione tra il grande pubblico. Con un sistema ispettivo debole, l’evasione fiscale, la frode ed il riciclaggio di denaro (parte integrante del sistema del Gioco del Bingo), gli effetti generati non sono stati assolutamente positivi. Nel 2001, le tasse incassate erano solo di 61 millioni di reais. Il punto di rottura è stato quando, nel 2004, un assessore vicino al Governo del Presidente Lula è stato denunciato per aver incassato tangenti dai vertici del Gioco do Bicho. Nello stesso anno, il Presidente Lula ha chiuso tutte le strutture del Gioco del Bingo in Brasile.

Argomentazioni pro e contro la liberalizzazione del Gioco d’azzardo in Brasile sono praticamente le stesse dei Paesi che non hanno ancora regolamentato questo business. Punti negativi: sistemi ispettivi deboli, ipotesi di frode, riciclaggio del denaro, dipendenza (GAP), etc. Anche la chiesa si è già pronunciata contro la proposta, e aspetta con apprensione (si legge sui giornali) la regolamentazione del Gioco d’azzardo.

I favorevoli credono che la mancanza di regolamentazione possa favorire la corruzione, il riciclaggio di denaro, ma, soprattutto, lo sviluppo di sistemi di gioco illegali. E con la gestione ed ispezione, sotto il controllo dello Stato brasiliano, il Governo potrà controllare e gestire un affare da miliardi, contribuendo per la creazione di nuovi posti di lavoro/ricavi.

Non sarà facile ottenere l’approvazione del progetto di regolamentazione dei Gioco d’azzardo. Comunque è una discussione avanzata, dove il controllo e regolamentazione ci porteranno più benefici, che semplicemente continuare ad avere un mercato enorme, gestito clandestinamente nelle mani di organizzazioni criminali.