In Italia si chiude al gioco, in Bielorussia invece porte aperte

in-italia-si-chiude-al-gioco-in-bielorussia-invece-porte-aperte

La Bielorussia si apre al mercato del gioco on line, a partire dai casinò. Una rivoluzione assoluta per lo Stato dell’Europa dell’Est. La notizia fa ancora più scalpore se si pensa a quanto è successo in Italia con la conversione in legge del cosiddetto Decreto Dignità. 

Il presidente della Bielorussia, Alexander Lukashànko, ha firmato, negli ultimi giorni, un decreto che legalizza il gioco online nel Paese. Tale legge permetterà agli operatori di lanciare casinò online rispettando però determinate condizioni. Secondo quanto stabilito dalla nuova normativa, gli operatori dovranno depositare fondi in un conto apposito che verrà utilizzato per coprire eventuali vincite o tasse dovute nel caso di collasso dell’impresa. Le autorità fiscali del Paese monitoreranno anche gli operatori attraverso uno speciale sistema di pagamento che consentirà il controllo delle transazioni. La normativa fissa inoltre l’età minima per il gioco a 21 anni, anzichè 18.