Inaccettabile che il ministro Di Maio spinga per chiudere un settore industriale sano

inaccettabile-che-il-ministro-di-maio-spinga-per-chiudere-un-settore-industriale-sano

Di Maio: “Inaccettabile che Confindustria difenda il gioco d’azzardo”

Sul decreto Dignità “Confindustria la pensi come vuole, ma una cosa è totalmente sbagliata e non posso assolutamente condividerla, è che addirittura difenda il gioco d’azzardo e la pubblicità sul gioco d’azzardo dopo tutto il male che hanno fatto agli italiani”. Così il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, a margine del suo intervento in commissione Lavoro e Finanze alla Camera sul decreto Dignità. Il vicepremier è poi tornato a parlare delle stime dell’Inps che ha previsto 8 mila posti di lavoro in meno derivanti dalla stretta sui contratti a tempo determinato: “Non credo ci sia una polemica, credo ci sia una differenza di vedute sulle stime che ha fatto l’Inps su questro decreto”.

Ancora una volta rimango basito dalle dichiarazioni del ministro Luigi Di Maio, che non perde occasione per tirare pietre nei confronti degli operatori dell’industria del gioco. Forse bisognerebbe ricordargli che non è più all’opposizione, ma rappresenta lui stesso (in quota al suo dicastero) lo Stato. E non si è mai visto uno Stato che va contro un comparto industriale peraltro “sano”.