Investimenti in area 47 milioni sulle maglie della Premiership inglese

investimenti-in-area-47-milioni-sulle-maglie-della-premiership-inglese

Nella stagione 2017/18 l’English Premier League (EPL), massima serie del calcio britannico, vedrà fortemente in campo i marchi del betting/gambling: oltre 47 milioni di euro sulle maglie dei club (più di 100 milioni di euro se si considerano anche i diversi accordi di partnership commerciale).

La caratteristica di queste aziende del gioco è la proiezione internazionale unita alla presenza delle sedi operative al di fuori del Regno Unito. E’ quanto avviene, per esempio, con Dafabet, sponsor di maglia del Burnley Fc (3,34 milioni di euro) e con interessi nelle Filippine (Makati), o di Betway partner principale della divisa del West Ham United (7,24 milioni) con sede a Malta, come ManBetX (legatosi al Crystal Palace per 4,45 milioni di euro), M88 (fa parte del gruppo Mansion) presente sulla casacca del Bournemouth (1,44 milioni) e OpeSports, da poche settimane sulla divisa della neo-promossa Huddersfield Town (per 2 milioni).

L’Isola di Man (territorio autonomo sotto il controllo della Corona britannica) è, invece, la sede di Fun88 sponsor del Newcastle United (7,5 milioni) e di Letou, partner del Swansea City (nonostante le origini di questa azienda siano anch’esse nelle Filippine), per una cifra stimata in 5,1 milioni di euro.

Unico brand totalmente di proprietà britannica è Bet365 (marchio legato alla famiglia Coates), sponsor di maglia e proprietario del club Stoke City (di cui sponsorizza anche lo stadio Britannia), con sede a Stoke on Trent nel North Staffordshire. Il marchio del gambling investe sulla maglia una cifra pari ai 5,34 milioni di euro. Più in generale Bet365 sta partecipando ad un progetto di potenziamento della capienza dell’impianto (con nuovi 1.800 posti a sedere), già a partire dalla prossima stagione.

Completa la fotografia di questo settore la sponsorizzazione di manica (novità assoluta per il mercato inglese delle sponsorizzazioni calcistiche) di 138.com (partner “regionale” per il mercato asiatico), con sede nell’Isola di Man, a favore del Watford, per un importo annuo superiore al milione di euro. (fonte: Il Corriere dello Sport)