Ippica: a chi interessa realmente questo settore?

ippica-a-chi-interessa-realmente-questo-settore

Il Mipaaf (Ministero delle Politiche agricole e alimentari) dovrà depositare entro il prossimo 31 gennaio la documentazione con cui ha rideterminato lo stanziamento assegnato agli ippodromi per il montepremi corse di dicembre 2017. Lo ha stabilito il Tar Lazio sul caso sollevato da un gruppo di società di corse. «Il Collegio reputa necessario acquisire tutti gli atti relativi alle disposte variazioni di bilancio, corredati da giustificazione e di dettagliata relazione di chiarimenti debitamente sottoscritta dal dirigente responsabile del servizio, cui fa riferimento il citato decreto dirigenziale», si legge nell’ordinanza. In particolare, i giudici approfondiranno sugli «stanziamenti di bilancio statale a favore dell’Ippica per l’esercizio finanziario 2017,con riguardo sia alle disponibilità finanziarie complessive assegnate al Mipaf in sede di variazione del bilancio dello Stato, sia alle specifiche allocazioni» disposte il con decreto dirigenziale di dicembre 2017. La camera di consiglio sul caso è stata fissata il 14 febbraio. (Agipronews)

Anche questa “annosa” questione della gestione del settore ippico sotto l’egida del Mipaaf speriamo che finisca presto. A mio parere, per esempio, questo importante comparto (tutto da rilanciare – lo si dice da tempo ma nessuno ci mette la testa sul problema) dovrebbe passare sotto il MEF (Ministero Economia e Finanze). Anche perché non mi risulta che questi ultimi tre Governi (Letta prima, Renzi dopo e per ultimo Gentiloni) abbiano avuto a cuore la tematica. Altrimenti non si sarebbe finiti davanti ad un tribunale amministrativo per ottenere ciò che spetta di diritto. Speriamo che il prossimo esecutivo abbia maggiore attenzione per il mondo dell’ippica e del lavoro degli operatori che ne fanno parte.