La falsità della leggenda metropolitana del gioco che rovina le persone. I dati dicono altro.

la-falsita-della-leggenda-metropolitana-del-gioco-che-rovina-le-persone-i-dati-dicono-altro

Un’altra teoria smontata dai numeri: cioè che chi gioca perde tutto. Non è assolutamente vero. E’ importante ricordare che chi gioca lo deve fare solo per divertirsi, non per sostituire forme di lavoro con fonti alternative di guadagno. Al netto di queste considerazioni, resta il fatto che se il pay-out collegato alle scommesse sportive è pari attualmente all’82,1% come si fa a sostenere, come spesso sostengono i proibizionisti, che chi gioca si rovina a prescindere. E’ assolutamente una falsità. 

Oltre 8 euro in vincita per ogni dieci giocati: il pay out medio per le scommesse sportive a ottobre, secondo una stima Agipronews su dati degli operatori, è stato di oltre 824 milioni di euro, l’82,1% del volume di gioco complessivo. Per il gioco fisico le vincite sono state da oltre 335 milioni di euro (il 75,6% delle giocate), mentre per l’online le scommesse centrate hanno restituito ai giocatori 489 milioni (l’87,1%). Per l’erario l’ultimo mese si chiude con incassi da oltre 35 milioni, calcolati con un prelievo del 18% sul margine per le scommesse in agenzia e del 22% per l’online. Da inizio anno le tasse versate superano i 192 milioni di euro