La Gambling Commission inasprisce le norme sulla pubblicità del gioco legale

la-gambling-commission-inasprisce-le-norme-sulla-pubblicita-del-gioco-legale

Il Regno Unito si dà nuove regole sul fronte dell’autodisciplina pubblicitaria in tema di gioco legale. La Gambling Commission (l’agenzia governativa che regola i giochi e le lotterie nel mercato Uk) infatti ha ufficializzato che entreranno in vigore, dal prossimo 31 ottobre, una serie di misure finalizzate a garantire la tutela dei consumatori (previste pene molto severe rispetto al passato per le aziende del gioco che dovessero incorrere in violazioni), con particolare attenzione ai “minori”.

Dal prossimo 31 ottobre, pertanto, gli operatori dovranno assicurarsi che i loro annunci pubblicitari o link di sponsorizzazione non compaiano sulle pagine dei siti web di calcio destinati ai minori. Dovranno inoltre assicurarsi che i loro loghi o altro materiale promozionale non appaia su qualsiasi merchandising commerciale progettato per essere utilizzato dai bambini.

Gli operatori devono anche tenere conto delle regole della Football Association (Federcalcio inglese) che richiedono, nel caso di squadre composte da giocatori di età inferiore ai 18 anni, che i loghi di gioco non debbano comparire su nessun articolo di kit o abbigliamento. Per la Gambling Commission infine non è accettabile che i siti di giochi d’azzardo pubblichino annunci liberamente accessibili, che presentano immagini in grado di poter attrarre in particolare i minori (fonte: Agimeg).