La Liga apre agli eSports

la-liga-apre-agli-esports

La Liga, massima divisione calcistica spagnola, è pronta a cimentarsi negli eSports, nuovo fenomeno dell’intrattenimento sportivo che si sta espandendo sempre di più, coinvolgendo milioni di gamers ed appassionati in tutto il mondo. Attraverso “La Liga eSports”, il campionato spagnolo farà parte di numerosi progetti legati alle competizioni sportive videoludiche e che avranno ad oggetto il calcio come sport principale. La Liga non è nuova ad esperienze di questo tipo. Negli anni passati infatti sono nati alcuni videogiochi grazie alla collaborazione con EA Sports, tra cui Head Soccer (più di 50 milioni di download in tre anni) e la piattaforma per il fantacalcio spagnolo “LaLiga Fantasy MARCA” (con oltre 200.000 utenti giornalieri).

I progetti riguarderanno inizialmente l’ambito spagnolo, per poi espandersi in un secondo momento anche all’estero. Queste operazioni daranno la possibilità al campionato iberico di sfruttare nuove partnership con i propri sponsor e di attrarne di nuovi dato che diversi brand internazionali stanno entrando nel mondo degli eSports con sempre maggiore frequenza, data la crescita di queste competizioni e il grande successo che stanno raggiungendo.

Gli eSports potranno inoltre avvicinare e coinvolgere il pubblico dei Millennials, i quali sono i principali appassionati a questo fenomeno. Secondo recenti studi svolti in Spagna sul fenomeno in questione, i risultati hanno evidenziato come il profilo dell’appassionato medio di questi eventi corrisponda a un individuo di età compresa tra i 25 e i 34 anni, fortemente legato alla tecnologia, ai social network e con una connessione a internet con una media di 5 ore al giorno.  L’Associazione spagnola dei Video Games ha stilato una previsione di impatto economico a livello globale che ammonterà a più di un miliardo di dollari nel 2020. Solo in Spagna, i ricavi provenienti dagli eSports per il 2016 erano di 4,5 milioni di euro, secondo uno studio dall’agenzia Play The Game.

Un altro studio svolto da Newzoo (azienda leader nella consulenza in ambito videoludico), ha dimostrato come il volume di entrate globali proveniente dagli eSports sia di 493 milioni di dollari e nel 2016 ben 250 milioni di persone hanno assistito a competizioni di eSports in tutto il mondo. I fan di queste discipline ammontavano a 191 milioni nel 2017 ed entro il 2020 potrebbero crescere fino a 286 milioni.

Proprio nel campionato spagnolo anche i club stanno muovendo i primi passi nel mondo degli eSports. In particolare, l’FC Barcelona parteciperà a delle competizioni virtuali attraverso il noto videogioco calcistico Pro Evolution Soccer. Il progetto sarà gestito dalla Konami (casa produttrice di videogiochi, tra cui lo stesso PES) e dalla eFootball.Pro, società di eSports fondata dal difensore del club catalano Gerard Piquè.