La Repubblica Ceca in campo contro gli operatori del gioco “illegale”

la-repubblica-ceca-in-campo-contro-gli-operatori-del-gioco-illegale

Mano severa della Repubblica Ceca nei confronti di chi opera, nel mercato del gioco, in modo illegale. Un “modello”, che dovrebbe essere attuato anche in altri mercati europei. In questo caso lo Stato dell’Europa dell’Est ha deciso (correttamente) di tutelare chi segue le regole in modo “sano”. 

Una società straniera che gestiva un sito di gioco d’azzardo online senza autorizzazioni è stata multata per 10 milioni di corone (circa 371.600 euro) in Repubblica Ceca. Lo ha dichiarato il portavoce del ministero delle Finanze, Michal Žurovec precisando che anche altri operatori verranno sanzionati (fonte: Agimeg).
Dallo scorso gennaio infatti è entrata in vigore una nuova legge che regolamenta il gioco d’azzardo e che prevede l’obbligo di una concessione rilasciata dallo Stato per la fornitura di servizi per il gioco d’azzardo online.

Dall’inizio dell’anno almeno una cinquantina di società estere, considerate illegali, si sono ritirate dal mercato ceco. Queste rappresentano quasi il 90% del volume di attività nel cosidetto mercato non autorizzato. Cinque operatori illegali, che non hanno licenza, hanno già ricevuto una comunicazione dalle autorità ceche e saranno presto oggetto di un procedimento amministrativo.
Come annunciato dal Ministero delle Finanze sono state registrate 44 richieste per il rilascio di autorizzazione da parte di 22 società di gioco. Negli ultimi anni il mercato del gioco d’azzardo ha registrato un forte incremento. Nel 2008 i cechi hanno speso 128 miliardi di corone (di cui 100 miliardi di euro nelle slot machine), cifra che nel 2015 è salita a 152 miliardi corone.