lega-pro-aams-e-sportradar-insieme-per-contrastare-la-piaga-del-match-fixing

Proseguono le attività di contrasto del match fixing (o scommesse sportive fraudolente) messe in campo dalle più importanti leghe calcio professionistiche. Questa volta è il turno della Lega Pro del presidente Gabriele Gravina, che riunisce ben 60 realtà calcistiche diverse, sparse sull’intero territorio nazionale. Il tema del match fixing, alla luce anche degli scandali collegati al calcioscommesse degli ultimi anni, è particolarmente a cuore delle Leghe, che puntano a sensibilizzare i dirigenti e i calciatori sui rischi connessi al fenomeno del calcioscommesse.

La Lega Pro, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (AAMS) e Sportradar presenteranno, mercoledì 5 aprile alle 11 nella sede FIGC, il protocollo d’intesa per l’attivazione di misure di prevenzione e contrasto al match fixing. L’obiettivo è quello di rafforzare le attività di monitoraggio attraverso l’unione delle rispettive competenze, di ottimizzare i controlli e i processi d’intervento per contrastare le manipolazioni delle competizioni sportive.

Verrà anche illustrato, l’accordo sottoscritto tra Lega Pro e SI.I.Pa.C (Società Italiana di intervento sulle patologie compulsive), specializzata nell’assistenza e nella cura di patologie legate al gioco d’azzardo.

E’ un ulteriore passo in avanti della Lega Pro nella sua politica di Integrity e di impegno nel sociale.

All’incontro interverranno: Gabriele Gravina, presidente Lega Pro, Roberto Fanelli direttore per i giochi di ADM, Pietro Ferrara direttore dell’Ufficio scommesse e giochi sportivi ADM, e Marcello Presilla, responsabile Integrity per l’Italia di Sportradar AG