Libero sintetizza la giornata politica di oggi. Salvini non tiene più un Berlusconi scatenato.

libero-sintetizza-la-giornata-politica-di-oggi-salvini-non-tiene-piu-un-berlusconi-scatenato

 

Abbiamo scelto la “lettura” della giornata politica da parte del quotidiano “Libero“, perché, più di altri, ha saputo sintetizzare il momento difficile delle consultazioni al Colle. Soprattutto dopo che, oggi pomeriggio, il presidente Mattarella ha deciso di prendersi due giorni per riflettere, dopo l’incontro con il presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati. E la matassa della composizione del nuovo Esecutivo è sempre più difficile da dipanare. 

L’apertura di Silvio Berlusconi a “gruppo misto e alcuni esponenti del Pd” per formare la maggioranza ha fatto esplodere alle basi il Centrodestra. La reazione di Matteo Salvini (Lega) anticipa una sempre più probabile rottura nell’alleanza tra Lega e Forza Italia: “Mai con il Pd – ha detto il leader leghista – ci vada da solo”.
A Salvini non sono andate giù neanche le parole pesantissime del Cav contro il M5s, definito ancora una volta una “minaccia per il Paese”.

Non solo quindi Salvini ha subito preso le distanze dall’apertura di Berlusconi al Pd, lo ha anche attaccato: “Non mi piace che parli male di un partito che è stato votato da un terzo degli elettori”.

Successivamente, Salvini ci va giù ancora più duro: “Io sto tenendo il centrodestra unito da più di un mese e mi devo sentir dire che devo andare col Pd? Dai non scherziamo”. E ancora: “Mi spiace che, invece di costruire, ci sia gente che pensa a distruggere anche nel centrodestra”, ha affermato. “Io continuo a fare testardamente a ribadire che il voto degli italiani va rispettato, altri non lo fanno. Quando Berlusconi apre al PD e ritiene che un terzo degli elettori non lo fa”. Dunque, Salvini conclude: “Ho sempre chiarito a Berlusconi che non voglio avere a che fare con PD di Renzi, della Boschi e di Banca Etruria”.

fonte quotidiano Libero