L'”ideona” di Ferraresi (M5S): alimentare un fondo per le vittime dei reati intenzionali violenti con le entrate erariali dei giochi

lideona-di-ferraresi-m5s-alimentare-un-fondo-per-le-vittime-dei-reati-intenzionali-violenti-con-le-entrate-erariali-dei-giochi

Ne avevamo sentite tante, ma questa ci mancava veramente: ovvero la creazione di un “Fondo per le vittime dei reati intenzionali violenti”, con una dotazione iniziale per il 2017 di 15 milioni di euro, da alimentare anche grazie alle entrate erariali dei giochi e ai premi non riscossi.

E’ quanto chiede con un emendamento ai disegni di legge in materia di legittima difesa – attualmente al vaglio della Commissione Giustizia della Camera – Vittorio Ferraresi insieme ad altri deputati del M5S.

Il Fondo – istituito presso il Ministero della Giustizia – servirà a “concedere adeguato indennizzo a ciascuna persona che non abbia potuto conseguire il risarcimento del danno patrimoniale o non patrimoniale cagionato dal reato o la rifusione delle spese e degli onorari di costituzione di parte civile”.

Tra le coperture economiche, figura anche “un’aliquota delle ritenute erariali dei proventi dei giochi e scommesse determinata annualmente” da MEF e Ministero della Giustizia, e “i premi vinti e mai incassati del fondo giochi e scommesse istituito presso il Ministero dell’economia e delle finanze”.

Quello che emerge chiaramente è l’approccio “cinico” di buona parte della politica (un po’ presente ovunque in quasi tutti gli schieramenti), che vive il mondo dei “giochi” come un bancomat da cui sottrarre risorse per coprire altre problematiche (spesso, come in questo caso, assolutamente non attinenti al mercato del gambling). Sembra quasi che i giochi debbano pagare pegno. Siccome lo Stato consente loro di poter operare sul territorio nazionale devono pagare e assistere la mano pubblica quando quest’ultime non riesce ad intervenire in termini di copertura economica. Il senso del ragionamento di molti politici “proibizionisti” è: non dovresti operare, ma visto che ti è consentito, ti faccio pagare tutto sottraendo risorse anche per tematiche non strettamente collegate.