Lo Stato francese ci mette la faccia sulla modernizzazione dell’industria del gioco

lo-stato-francese-ci-mette-la-faccia-sulla-modernizzazione-dellindustria-del-gioco

Il governo francese è al lavoro per la modifica della legge che disciplina il gioco d’azzardo sull’intero territorio nazionale. Tra le ipotesi allo studio c’è anche l’apertura al capitale se non addirittura alla privatizzazione della Française des Jeux (FDJ), e all’aggiornamento dell’apparato legislativo dell’industria del gioco d’azzardo. Su FDJ c’è un forte scontro politico, perché secondo alcuni parlamentari sarebbe l’inizio di uno “sgancio” della mano pubblica dal comparto in esame. Ciò avviene a distanza di appena otto anni dalla promulgazione della legge sui giochi online che ha aperto, legalizzandole, alle scommesse sportive , alle scommesse ippiche e al poker su Internet.

Il ministro dei conti pubblici, Gérald Darmanin, non ha escluso la possibilità di ampliare ruolo e competenze di Arjel, autorità creata con la legge di maggio 2010 per occuparsi dei giochi online. Il secondo punto si riferisce alla possibile tassazione del prodotto lordo delle attività di gioco , che corrisponde al fatturato reale degli operatori, e non più le giocate , sul modello economico degli operatori autorizzati del gioco d’azzardo su Internet.