Manovra: quello che Giovanni Tria (MEF) non spiega fin nei dettagli…

manovra-quello-che-giovanni-tria-mef-non-spiega-fin-nei-dettagli

E’ un interessante post di Enrico Zanetti (nella foto sotto), ex vice-ministro all’economia sotto il governo Renzi (oggi consulente fiscale di Renato Brunetta in Forza Italia), a spiegare cosa potrebbe avvenire con l’approvazione della prossima manovra.

“…Con questa impostazione del DEF sul triennio 2019-2021, che porta il deficit effettivo al 2,9 per cento nel 2020, già solo se non si fa aumentare l’IVA, sarà impossibile ridurre le tasse e sarà già un miracolo non farle aumentare anche se il PIL dovesse avere l’iper ottimistica crescita stimata, perché tutti gli spazi se li è presi l’aumento di spesa previdenziale e assistenziale.” – spiega il vicario di Padoan all’epoca dell’esecutivo Renzi (Zanetti, nel successivo governo Gentiloni, non accettò di rientrare nella identica posizione offertagli dal nuovo Premier).

“Il DEF è la cornice, ma vincolante e quando vai a 2,9 nel 2020 già solo non aumentando l’IVA, è evidente che hai scelto di occupare già tutti gli spazi. Non è propaganda preconcetta, è analisi delle scelte” – conclude sempre il tributarista di Chioggia.