Match fixing: Tennis ancora al primo posto per segnalazioni sospette (ESSA)

match-fixing-tennis-ancora-al-primo-posto-per-segnalazioni-sospette-essa

E’ ancora il tennis, secondo quanto riportato da Agimeg su dati ESSA, lo sport, che, nell’ultimo periodo di osservazione, è risultato essere più “attenzionato”, per numero di segnalazioni sospette (in termini di match fixing). E’ anche vero, però, che le principali organizzazioni di gestione degli eventi e degli atleti professionisti (ATP/WTA) sono al lavoro da tempo per ridurre al minimo questo “pericolo” di contaminazione. 

L’ESSA (European Sports Security Association) ha segnalato 27 casi di match fixing alle autorità competenti durante il primo trimestre del 2017. Il tennis ha rappresentato il 45% delle segnalazioni totali, con 12 casi, confermandosi lo sport più soggetto a combine negli ultimi nove trimestri consecutivi. Il restante 55% dei casi è suddiviso tra calcio (4 casi), pallavolo (4), biliardo (2), pallacanestro (2) e uno a testa tra pugilato, pallamano e hockey su ghiaccio.

Il presidente dell’ ESSA, Mike O’Kane, ha dichiarato che “le cifre del primo trimestre 2017 seguono una tendenza simile ai rapporti precedenti. Sappiamo che il mondo del tennis, in particolare, sta affrontando questa situazione e attendiamo con interesse l’imminente pubblicazione del rapporto intermedio del Pannello di valutazione indipendente. È un processo che ESSA ha accolto come un passo importante e speriamo che le raccomandazioni del gruppo siano basate su prove e offrano azioni concrete e proporzionate “. (fonte: Agimeg)