Rete gioco legale unico “baluardo” alle scommesse illegali. Questa è l’unica realtà!

rete-gioco-legale-unico-baluardo-alle-scommesse-illegali-questa-e-lunica-realta

Nella Relazione sull’economia non osservata e sull’evasione fiscale/contributiva, che ha accompagnato la Nota di aggiornamento del DEF dello scorso mese di ottobre si è correttamente evidenziatocome la rete di gioco legalesia un argine all’evasione e che il vero pericolo arriva dalle scommesse illegali. Questa è la realtà, non battute da bar. Solo così si può contrastare questa piaga endemica. 

“Nel settore legale dei giochi non si riscontrano fenomeni di evasione fiscale correlati. Il necessario collegamento al ‘Totalizzatore nazionale” (per le scommesse) od alla ‘Rete telematica’ (per la gestione degli apparecchi con vincita in denaro) consentono il riscontro – pressoché in tempo reale – dei volumi di gioco/scommesse praticati nelle singole tipologie esercitate dai concessionari e, quindi, della base imponibile soggetta a tassazione”. La lotta al fenomeno del gioco clandestino interessa prevalentemente tre comparti: “il gioco mediante rete fisica attraverso apparecchiature che si collegano ai siti illegali ovvero attraverso apparecchiature che offrono giochi promozionali vietati in quanto in violazione alla riserva statale sui giochi (i cosiddetti totem); la manomissione/alterazione di apparecchi da gioco con vincita in denaro; le scommesse (sia mediante rete fisica che mediante siti on line illegali)”.

Lo stesso Procuratore Nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho, ha affermato, nei giorni scorsi, che “Oggi la criminalità organizzata si sta riversando in un settore particolarmente remunerativo come quello del gioco d’azzardo, che consente il passaggio di ricchi flussi finanziari coperti da apparenze di giochi e scommesse legali ma che effettivamente operano in maniera illegale, traendo in inganno i giocatori. Per questo è importante evidenziare bene quale sia il gioco legale per evitare di incorrere e sostenere i canali illegali”.