Spagna e Portogallo: boom del gioco online sull’onda delle scommesse sportive

spagna-e-portogallo-boom-del-gioco-online-sullonda-delle-scommesse-sportive

Cresce il gioco online in Spagna e in Portogallo, almeno a leggere i dati del periodo aprile-giugno 2018. Soprattutto nella penisola iberica c’è stato un boom in vista del Mondiale di calcio in Russia. Sul territorio lusitano, invece, la crescita è collegata al numero di operatori autorizzati (da 5 a 8). Nel secondo trimestre l’online in Spagna ha generato un GGR (Gross Gaming Revenue) pari a 167,2 milioni di euro, con un incremento del 2,33% rispetto al trimestre precedente e un aumento rispetto allo stesso trimestre del 2017 del 40,15 percento.

Il segmento delle scommesse ha un tasso di crescita, rispetto al trimestre precedente, del 7,07% e del 46,68% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. La crescita è principalmente dovuta alle scommesse sportive  che sono cresciute del 32,75%, con uno sviluppo strettamente legato alla Coppa del mondo di calcio in Russia.

La spesa per il marketing nel trimestre è stata di 81,3 milioni, con una crescita annuale del 55,22 percento e la ripartizione delle spese di affiliazione di 7,6 milioni; 2,95 milioni per la sponsorizzazione; 29,6 per la promozione e 41,1 milioni di euro per la pubblicità.

Il gioco online in Portogallo, nel secondo trimestre 2018, ha raggiunto circa 37,3 milioni di euro di entrate lorde, con un aumento di quasi 12 milioni di euro rispetto al trimestre omologo del 2017. Questo secondo il report dell’autorità di gioco portoghese, Srij. Al 30 giugno 2018, si contano otto operatori autorizzati a svolgere attività di gioco in Portogallo, tre in più rispetto a quelli autorizzati nello stesso periodo del 2017. Questi detengono 13 licenze distribuite come segue: sei licenze di scommesse sportive; sette licenze per i giochi di fortuna.

Le entrate lorde delle società di scommesse sportive online hanno toccato i 20,5 milioni di euro. Rispetto allo stesso periodo del 2017, e dopo l’emissione di altre tre licenze, vi