Sul gioco Nencini (PSI) più distruttivo del M5S ed è tutto dire

sul-gioco-nencini-psi-piu-distruttivo-del-m5s-ed-e-tutto-dire

“Dove trovo le coperture per la mia proposta sui 700 mila posti di lavoro subito? Intanto da una maggiore tassazione del gioco d’azzardo, poi dalla tassazione delle grandi multinazionali che lavorano in Italia”. Lo scrive sul suo profilo Twitter Riccardo Nencini, promotore della lista di ispirazione ulivista Insieme, viceministro alle Infrastrutture e segretario Psi che alle elezioni sarà candidato nel collegio uninominale del Senato Arezzo-Siena per il centrosinistra.

Da tempo Nencini (PSI) non è proprio benevolo nei confronti del mondo del gioco: un po’ perché come tutti i politici che non frequentano il settore arrivano poi a “demonizzarlo”, un po’ perché in campagna elettorale qualche voto tra i proibizionisti lo si trova pure. Perché non provarci. Ma quando ho letto la proposta doppia di tassazione del segretario socialista mi sono detto: ma si è reso conto di ciò che ha scritto su Twitter? Secondo me no. Nencini forse non sa che grandi gruppi internazionali gestiscono in Italia il mondo del gambling, quindi nel caso passasse questa “ideona” una multinazionale del gioco presente nel nostro Paese prima verrebbe tassata in quanto legata al mondo del gioco poi perché multinazionale. Ditemi il nome di una azienda del settore che, tassata due volte, abbia voglia di restare. Ripeto, secondo me non rilegge con attenzione ciò che scrive o dice. Quindi non capisco come faccia a ritenere di poter creare in questo modo 700 mila posti di lavoro. Forse intendeva 700 mila disoccupati?