Tassazione troppo elevata? Anche la Spagna inizia a soffrire

tassazione-troppo-elevata-anche-la-spagna-inizia-a-soffrire

C’è un “vento” strano che sta girando per l’Europa, soprattutto nei mercati più maturi come Italia e Spagna. Si nota, già da diverso tempo, infatti una volontà di andare a prendere nel portafoglio delle aziende del gioco (quale che sia il Paese di riferimento) risorse che poi servono di fatto allo Stato, per pagare il funzionamento del Paese. Una scelta abbastanza illogica, perché chi intende investire nel settore (il comparto del gioco) ha bisogno di conoscere a monte, e non a valle, quali saranno le aliquote e non si può ogni tot mesi cambiare sempre le carte in tavola.  

“In Spagna la maggior parte degli operatori di gioco online perde denaro”. E’ l’allarme lanciato da Sacha Michaud, presidente della Asociación del Juego Online, a cinque anni dalla regolamentazione del gioco online nel Paese. “Gli operatori sopportano elevati carichi fiscali che limitano lo sviluppo e l’innovazione nel settore”. Il gioco online muove 10,9 miliardi di euro, ma di questi il 96% torna in vincita e il GGR restante viene tassato ulteriormente, così che restano ricavi per 226 milioni da dividere tra i 51 operatori online. “In questo modo non possiamo essere competitivi”, ha concluso Michaud.