Torna il “mantra” della ludopatia. Binetti (UDC) chiede la consulenza di esperti in dipendenze

torna-il-mantra-della-ludopatia-binetti-udc-chiede-la-consulenza-di-esperti-in-dipendenze

Nonostante che a molte associazioni di categoria non sia proprio piaciuto il testo del riordino del settore dei Giochi, c’è chi vuole andare oltre. E’ il caso di Paola Binetti, che, non contenta, adesso chiede che il tavolo del riordino del settore, dopo aver valutato gli aspetti economici, consideri anche quelli ad impatto sociale, con particolare attenzione al GAP. Come gettare benzina su un pavimento già coperto di petrolio. 

“Abbiamo ripreso in mano il testo eliminando quanto è stato già approvato. Le disposizioni studiate in Commissione per il contrasto alla ludopatia ora saranno confrontate con il documento prodotto dall’accordo tra Stato e Regioni. Ricordiamo che entro il 31 ottobre l’accordo porterà a un decreto ministeriale”. E’ quanto ha detto ad Agimeg Paola Binetti, deputata UDC, a margine del comitato ristretto in Commissione Affari Sociali alla Camera. “Ora serve recepire da parte nostra i nuovi spunti dell’accordo e portare avanti una legge di iniziativa parlamentare. L’impressione è che il Governo finora abbia ragionato solo su riferimenti strettamente economici. L’unico ufficio tecnico di riferimento è Sogei. Mi chiedo perché non sia stato previsto ad esempio il parere di un esperto di dipendenza. Comprendo le ragioni economiche, ma a noi interessa soprattutto l’aspetto socio-sanitario. Non c’è conflitto tra le due linee, anzi è possibile trovare molti punti in comune”, ha concluso la deputata.