UE: 492 mila euro per contrastare il match fixing nello sport

ue-492-mila-euro-per-contrastare-il-match-fixing-nello-sport

L’Unione Europea entra a gamba tesa per contrastare il match fixing in ogni settore sportivo (calcio e tennis in prima fila). In tal senso, si sta procedendo a rendere sempre più funzionale un “Progetto Pilota” volto a favorire la cooperazione tra soggetti pubblici e privati per identificare i rischi legati alle scommesse sportive. Anche per quest’anno, l’UE ha voluto stanziare una somma, pari a 492 mila euro, per contrastare la corruzione presente negli eventi sportivi.

Un Progetto, quello della cooperazione tra attori pubblici e privati, che aveva visto la luce già nel 2014: l’obiettivo dichiarato era quello di “garantire la correttezza delle scommesse sportive, ridurre la corruzione nello sport e impedire che il gioco d’azzardo sia utilizzato per finalità criminali”, oltre a “definire nuovi meccanismi integrati che potrebbero richiedere la cooperazione tra soggetti con competenze e esperienze diverse”. Nel dettaglio, il Progetto faceva riferimento “ad autorità preposte dell’applicazione della legge, operatori dei servizi di scommesse online e off line, organizzazioni del settore del gioco d’azzardo, federazioni sportive, autorità preposte a regolamentare il gioco d’azzardo, club sportivi e atleti”.