Un comitato di esperti per contrastare il match fixing in Ucraina

un-comitato-di-esperti-per-contrastare-il-match-fixing-in-ucraina

La FFU (Federcalcio Ucraina) ha deciso di costituire un comitato di esperti, costituito con l’obiettivo di valutare azioni di gioco in partite in cui si verifichino movimenti di quote sospette.

Il comitato si inserisce in una serie di modifiche volute dal presidente della FFU Andriy Pavelko (nella foto in primo piano) e dal primo vice presidente Nazar Kolodinsky, in un’ottica di tolleranza zero nei confronti del match fixing.

La funzione del comitato sarà quella di analizzare le partite “sospette” e fornire le proprie conclusioni a supporto del lavoro degli organi inquirenti e giudicanti, sia a livello sportivo che in ambito giudiziario.

Spesso le partite “truccate” sono macchiate da errori più o meno marchiani e la costituzione di un comitato permamente diventa fondamentale in un ottica di equità di giudizio e di costante attenzione al fenomeno.

Avrà sede a Kiev e sarà coordinato dall’ex procuratore giudiziario Ivan Shevchenko, che avrà il compito di finalizzare le conclusioni degli esperti.

Il gruppo di esperti (per il momento nel numero di 4, oltre alla figura di Ivan Shevchenko) sarà costituito da :

  • Ciro Angelillis, Procuratore generale presso la Cassazione di Roma, e PM del caso “Bari” calcioscommesse.
  • Claudio Gentile, campione del mondo 1982 e allenatore dell’U21 FIGC.
  • Benito Carbone, già giocatore di Inter e Napoli ed ora allenatore.
  • Simone Farina, responsabile “B Italia” e figura emblematica nella lotta al match fixing.

Il comitato (nato da un’idea di Francesco Baranca – presidente delle Ethic Commission della FFU – nella foto sotto) inizierà il proprio lavoro già in questi giorni andando ad analizzare casi già instruiti presso il comitato disciplinare e nuovi casi avvenuti nelle ultime settimane nei diversi campionati del calcio ucraino.

Questo nuovo progetto si inserisce nella strategia di contrasto della FFU, sul terreno del match fixing, messa in atto proprio dalla Ethic Commission guidata da Baranca (segretario generale dell’organizzazione FederBet), di cui fanno parte anche l’avv. Cesare Di Cintio (DCF Legal) e il prof. Mauro Sferrazza.